ottobre 2013


smsCONTINUANO GLI SMS TRUFFALDIN(clicca qui e leggi i 145 commenti degli utenti truffati)

Società sconosciute inviano SMS da numeri che iniziano con le prime cifre “48”.

Questi Sms truffaldini attivano abusivamente servizi illegittimi non richiesti a costi notevoli

Ri-pubblico l’articolo che dello scorso dicembre che ha dato il via, tramite questo blog, a decine e decine di commenti di utenti che hanno vissuto in prima persona questa truffa,della serie: 

UNA VERA VERGOGNA da chissà quanti MILIONI di €uro.

Vi inviano un sms e appena aperto, vi addebitano 5 euro…a quante persone sarà arrivato? TANTE (cliccaTRUFFA tim funny tv) oppure “Un servizio a pagamento non richiesto” (clicca qui)

A mia moglie è successo, utilizzando un telefonino smartphone per prenotare un posto al Cinema, tramite il sito internet della MULTISALA KING di Lonato (Bs), si aperta una veloce schermata e, nella fretta di prenotare il posto, la TIM ha addebitato 5 €uro.  Come mai?

5 Euro

ATTENZIONE dunque se vi dovesse arrivare  un sms CON NUMERI CHE INIZIANO CON 48, come, ad esempio, dal numero: 486.86.84 che corrisponde al servizio a pagamento di FUNNY TV  che è una società che fornisce, tra l’altro, i servizi in abbonamento Funny e Funny Tv tramite i gestori H3G, Tim, Vodafone e Wind.

Il servizio Funny è un servizio che prevede la fruizione di contenuti multimediali per cellulari (suonerie, mp3, wallpaper, etc.) mentre Funny Tv è un servizio che permette al cliente di guardare in modalità streaming, video di vario genere (goal, cucina, fitness, cartoons, ecc.).

truffaUna volta attivati gli abbonamenti attraverso il portale wap degli operatori telefonici, verrà scalata una somma settimanale dal proprio credito telefonico pari al costo del servizio in abbonamento cui ci si è attivati, mediante la ricezione di un sms, il quale prevede al suo interno un link che porta l’utenza abbonata al portale wap del relativo servizio da dove fruire dei contenuti richiesti.

Ecco cosa consiglia il MOVIMENTO CONSUMATORI: per disattivare l’abbonamento: inviare un sms al numero 4868684 con il testo STOP(ovviamente usando il cellulare su cui è attivo l’abbonamento). La disattivazione è automatica e viene confermata con la ricezione di un sms. Oppure: chiamare il Servizio Clienti al numero 06 452217370 o inviare una mail a servizioclienti@acotel.com (con queste due modalità si può anche disattivare l’abbonamento).

La “cosa” è stata studiata ad arte, poichè se chiamate il vostro gestore (in questo caso la TIM) per far disattivare i servizi a pagamento che iniziano con il n° 486, facendoli inserire nella black list, non riceverete più nemmeno gli sms della vostra banca che vi vengono inviati anche nel caso di clonazione carta di credito o bancomat

La società Telecom Italia S.p.A., nel corso dell’audizione tenutasi innanzi all’AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE TELECOMUNICAZIONIin data 2 febbraio 2012, ha contestato la sussistenza della violazione contestata, affermando come l’attivazione dei servizi a sovrapprezzo sulle utenze 339.7109xxx e 366.1778xxx, sia avvenuta a seguito di una esplicita manifestazione in tal senso da parte degli intestatari delle relative utenze.

agcom

   Con DELIBERA N. 135/12/CONS, l’Autorità (AGCOM), ha invece condannato  Telecom a pagare  €. 116.000,00  agli intestatari delle due utenze, per aver attivato i servizi NON richiesti: “Flycell Club”e  “Funny Tv” (clicca ordinanza)
Con riferimento alla gravità della violazione, ha rilevato l’Autorità, che la condotta della Società ha leso la libertà contrattuale degli utenti e ha determinato l’addebito di costi sui conti ad essi intestati non giustificabili in alcun modo attesa l’assenza di un consenso di questi  all’attivazione dei servizi de quibus. tru
Ma una multa di 116.000 euro, sono una sciocchezza, rispetto ai milioni di euro introitati dalle società che inviano gli sms “indesiderati”, dal costo di 5 €. cadauno…ed infatti gli sms a tradimento, continuano
Annunci

UN PLEBISCITO

la mia proposta di mettere in rete le immagini dei reati ripresi dalla Videosorveglianza Comunale e pubblicarle poi sul SITO del Comune di Desenzano del Garda, ha avuto il voto favorevole del  91 %  dei votanti.

In un sondaggio a sorpresa, lanciato dal sito del Giornale di Brescia (clicca qui),  il  74 %  dei Cittadini sostiene che è un’ottima proposta forse così si potranno individuare i colpevoli”,  a cui si aggiunge il 17 %  che è d’accordo non aiuterà a trovare i colpevoli, ma funzionerà da deterrente”:

totale FAVOREVOLI = 91 %

Solo il 7 %  ritiene che “Il compito di trovare i colpevoli spetta alle forze dell’ordine”, mentre un  2 %  sostiene che “Sarebbe inutile se non dannoso”

foto (63)

vivibile e sicuraUN SINDACO come ROSA LESO, che ha fatto tante chiacchere in campagna elettorale, ora dovrebbe vivibile e sicuraascoltare le esigenze dei propri Cittadini e farsi promotore per soddisfare queste esigenze

sito_rosa 

ANCORA VANDALI IN AZIONE A DESENZANO, PROPRIO SOTTO GLI OCCHI VIGILI DELLE TELECAMERE DI VIA GARIBALDI

LA MIA PROPOSTA?    Il Sindaco chieda l’autorizzazione e metta in rete le immagini dei reati ripresi dalla Videosorveglianza Comunale;  pubblicandole sul SITO del Comune, si potrebbero sicuramente avere più informazioni utili all’identificazione dei colpevoli

DAI IL TUO PARERE ALLA PROPOSTA: (CLICCA QUI)

Guarda i risultati del sondaggio: (clicca qui)

  

 

CHI LI RICONOSCE?  Le immagini del video, riprendono i furti in diretta, dei miei “tappeti elettorali”, posizionati nella centralissima Piazza Malvezzi, nella campagna elettorale del maggio 2012.  

Gli autori del furto SONO ANCORA IMPUNITI. nessuno li ha identificati e tanto meno si è riusciti a risalire al numero di targa dell’autovettura  utilizzata dai due ladri, poichè la qualità delle immagini è pessima. 

Telecamere DOME, che sul più bello della “zummata”, si girano per riprendere le immagini, in un’altra direzione.    Ma quanti soldi pubblici sono stati spesi sino ad oggi, per tutto ciò e con quali risultati?


foto (61)

Se fosse successo qualcosa di più grave di un furto (come quello nel video),  dopo più di un anno, saremmo ancora in cerca del responsabile….

Dunque, a che serve la Videosorveglianza se poi nessuno riconosce le persone che hanno compiuto il reato?

dome

DESENZANO come LONDRA:

 “Un rapporto boccia il massiccio investimento sulle telecamere: «Inutili contro il crimine” SOLO UN CRIMINE È STATO RISOLTO DA CIASCUNO DEI MILLE «OCCHI ELETTRONICI» 

dom

Lo dice un rapporto interno della polizia di Londra, la città al mondo che più ha investito in telecamere per il controllo della città e che viene presa a modello da tutti i comuni che scelgono questa strada.

Secondo l’indagine, solo un crimine è stato risolto da ciascuna della mille telecamere a circuito chiuso delle forze di Polizia della città.  E in un mese la telecamere hanno aiutato a catturare solo 8 su oltre 200 sospetti di furto

Ora che questi occhi elettronici sparsi per il centro si sono dimostrati inefficaci però verranno rimessi in discussione , i dati sono scoraggianti (clicca qui)

foto (43)vasi rotti clarinfoto (45)COMMERCIANTI CHE NON NE POSSONO PROPRIO PIU’

Nella centralissima VIA GARIBALDI della Capitale del lago, i vandali continuano a provocare ingenti danni e la protesta non tarda a farsi sentire.   

Ma a che servono le telecamere se gli episodi di vandalismo, si ripetono sempre più spesso e proprio sotto gli “occhi vigili” della Videosorveglianza Comunale

Vetrine infrante, tende parasole sfregiate, tentativi di scasso, fioriere rotte,  segnali stradali divelti, tavolini danneggiati ed altro ancora

foto (42)

Oggi cinquanta titolari delle attività commerciali, della storica zona di “CAPOLATERRA”, hanno denunciato gli atti vandalici al Sindaco ROSA LESO, chiedendo anche di poter visionare le registrazioni delle telecamere Comunali, per cercare forse indizi utili all’identificazione dei responsabili di tutti questi danni

foto 2.m foto 1.mMa lo stato di manutenzione delle telecamere lascia alquanto a desiderare e spesso l’impianto ha problemi (in foto la telecamera posizionata nei pressi del Castello)

Doveroso, da parte mia presentare un’interrogazione al Sindaco Leso, chiedendo precise risposte in merito (Clicca qui)

foto (58)foto (59)foto (60)

IMG_46127b6abd147ad734227b7aa9fde1af67fafoto (48)