dicembre 2014


primadopo

 

 

 

 

(la zona a bosco: prima e dopo l’intervento)

Un grave ed INDISCRIMINATO DISBOSCAMENTO, disposto dall’Amministrazione Comunale, a guida PD, nella fascia a lago del VO’.

La zona è all’interno del Parco Locale di Interesse Comunale e, per questo, a tutela ambientale ma sembra che per il Sindaco ROSA LESO e per la sua maggioranza, ciò non sia un problema.

zoan interessata

Per “mettere in sicurezza” la scarpata ricoperta da un folto BOSCO e SOTTOBOSCO dunque, l’ Amministrazione Comunale ha disposto il taglio dell’intera vegetazione poichè, a quanto sembra, “le piante avrebbero potuto appesantire la scarpata” e dunque far franare il terreno!?! RIDICOLO….

Invece di attuare una manutenzione continua e ordinaria, secondo la quale si dovrebbero realizzare soltanto “tagli selettivi” di vegetazione secca, malata e inclinata, si è preferito attuare questo tipo indiscriminato d’intervento che provoca gravi perturbazioni sia nell’equilibrio delle biocenosi ed altera irreversibilmente la composizione e la dinamica della vegetazione dell’intera zona.

UTILIZZANDO il principio dell’Amministrazione desenzanese, a questo punto,  i boschi di montagna che, con le loro radici, trattengono le frane, dovrebbero essere tutti rasati al suolo

Annunci

FognaScarichi torbidi e acqua maleodorante 

Lo spettacolo a cui possono assistere in questi giorni di pioggia i residenti o i frequentatori del lungolago C. Battisti di Desenzano del Garda è raccapricciante.

Affacciandosi sul lago dalla passeggiata, il colore dell’acqua e l’odore nauseabondo non lasciano spazio a dubbi o ad interpretazioni.

 E’ quanto mai evidente che, nella Capitale del Garda, il sistema fognario non  è completamente sdoppiato.

faro

Le acque nere e le chiare del Centro Storico non sono separate. Le acque miste vengono mandate così come sono nel collettore, il quale in caso di abbondanti piogge TRACIMA, facendo finire le acque direttamente nel lago.

In questo caso invece, è evidente che ci sono fognature che finiscono direttamente nelle acque del GARDA

L’Amministrazione Comunale è perfettamente a conoscenza della situazione ma  i lavori sulle fognature danno poca visibilità

La Giunta di Rosa Leso, preferisce evidentemente dar corso ad altre opere pubbliche, certamente più “visibili”, poichè il pensiero  di certi  “politici” di turno,  cerca il consenso e rincorre i “voti” pensando alle prossime elezioni

testata_rifiutimaffi assessore

In questi giorni, esaminando le acque che scaricano a lago nella zona  del passeggio  che dalla  “diga” porta alla spiaggia del Feltrinelli, dal FORTE ODORE NAUSEABONDO è evidente che qualcosa NON va!

In questa zona gli scarichi non sono attribuibili al collettore di GARDA UNO, perché dunque l’assessorato all’ECOLOGIA non compie le opportune e dovute verifiche?

Da dove arrivano queste acque nere che sfogano proprio vicino alle spiagge pubbliche e sotto gli occhi dei numerosi Cittadini e turisti che passeggiano sul lungolago?

Le ricadute sul Turismo e sull’immagine della Città di Desenzano d/G., sono a questo punto, inevitabili