foto Rino,cartelli «Decisione vergognosa»

Pròpe èn chèsti momèncc de dificoltà economiche per tante famèe, aziènde e lauradùr, de solcc ghe n’è semper meno per töcc e anche per èl Cümü de Desensà, l’Aministrasiù  Comünàl dè la ROSA LESO, la ghà decidìt de spender dumìla sicsènt quarantaquater euri (€. 2544), per quacià le scrite èn dialèt brèsà che ìera söi potacartèi: Desensà, Riultèla, San Martì, San Pedèr e Vàcaròl (tradusìù)

Rinunciare al dialetto significa ripudiare secoli di cultura locale, di tradizioni, di sagge locuzioni trasmesse dagli antenati.  Significa perdere un inestimabile patrimonio di metafore, similitudini, modi di dire, frutto della fantasia popolare che quando crea le sue immagini, pittoresche e folgoranti, lo fa in dialetto.

Il dialetto bresciano, come gran parte dei dialetti italiani e delle lingue minoritarie regionali italiane, fino a la painarosa lesocinquant’anni fa era il linguaggio di ogni giorno e conosciuto da tutti nella provincia di Brescia, poiché poche persone conoscevano un italiano corretto.  In particolare modo in provincia, dove fino agli anni sessanta il 70% dell’economia girava attorno all’agricoltura e all’allevamento, il bresciano era l’unico idioma conosciuto; lè per chèst che gò presentàt l’ènterògàsiù che gò alegàt (clica che)

BERTONI RodolfoAll’ass. alle Opere e Lavori Pubblici, Rodolfo Bertoni, competono le inutili spese per rimuovere le scritte in lingua locale, eppure ci sono anche tante canzoni moderne, in lingua locale

Annunci