Enrico XI° – Tedùr  

Henry of Formigarminster , 15 dicembre 1955 (Chr) fu Barone nel suo paese d’origine finchè raggiunta la laurea in tarda età, si registrò al “Council bins” d’Inghilterra e si trasferì presso the Land of the Bins, a svolgere la libera professione.

La politica 

Invaghitosi della “Lady di ferro”, Margaret Thatcheroni, entrò in politica al suo fianco cercando di attirare attenzione in ogni modo:  ha stampato la sua faccia e il suo numero di cellulare su centomila bustine di zucchero regalate poi a tutti i pub, ha regalato l’ 8 marzo mimose alle donne in ospedale e a Pasqua uova di cioccolata ai bimbi in pediatria, ha dispensato come «santino» elettorale, semi di girasole da piantare «per un futuro solare».  E’ arrivato persino ad utilizzare aerei per passaggi a raso sul paese con striscioni pubblicitari per convincere la popolazione che ci voleva coraggio per cambiare.

L’entrata in convento

Le spese superarono ben presto le aspettative ed  Henry of Formigarminster, deriso ed abbandonato  da tutti, si recò allora al Convent of Bagattas per dare i voti ma seduto tra i banchi dell’opposizione, entrò in crisi profonda.

Crisi del gennaio 2009 ed usurpazione del trono 

Fu primo firmatario per eludere la crisi di maggioranza, nata in seguito allo scisma della Lega del Galles, quindi alla separazione dalla politica di Londra.  Nei primi tempi fu un fiero oppositore delle teorie di Happy Rings e per questo motivo ottenne dal Pontefice Papa Esterino X il titolo di Defensor Fidei, ossia “Difensore della fede”, titolo che ancora oggi compare sulle monete di Formigarminster con l’acronimo latino  VER. FET ENT.. Mai sposato e detentore di un potere assoluto incontrastato poiché dal suo volere dipendono le sorti della maggioranza.  Decretò lo scioglimento della maggioranza conservatrice, nel gennaio 2009 e l’unione della sua lista col governo a cui si convertì diventando così l’undicesimo Consigliere di Mayor “Happy Rings”.

Proprietario terriero

Proprietario di numerosi fabbricati e aree agricole (clicca qui), in seguito per i suoi interessi  Enrico XI°, arrivò ad un insanabile contrasto col Mayor ma essendo consigliere indispensabile alla vita del governo conservatore, continua tutt’ora a sottoporre ad ogni genere di pressioni il governo della Città, in cambio del proprio voto 

Chi è?   Gioca e scrivi nel commento, il nome del personaggio misterioso, anche se qui, non si vince niente

Annunci