In ogni comune la situazione è la stessa !

Cassette postali, strapiene di inutili volantini pubblicitari; non basta mettere le scritte “no pubblicità” o apposite cassette fuori dalle abitazioni, per evitare di essere “assaliti” dal materiale pubblicitario.

Il volantinaggio selvaggio, crea un disservizio per i cittadini e richiede poi, l’esborso di risorse pubbliche per la pulizia di tale materiale dai marciapiedi.

In Comune a Desenzano, alcuni giorni fa ho protocollato un’apposita richiesta di ordinanza sindacale (clicca richiesta) poiché si potrebbe, ad esempio, stabilire che il materiale pubblicitario potrebbe essere consegnato ai cittadini, solo attraverso il servizio di corrispondenza postale o da personale preventivamente autorizzato, per evitare ciò che sta accadento, da troppo tempo, in tutti i Comuni. 

Un apposita ordinanza limiterebbe la distribuzione, tenendo anche ben presente che ora, lo smaltimento delle tonnellate e tonnellate di materiale pubblicitario, è a carico dei cittadini.

Sarebbe quanto mai urgente, l’adozione di un simile provvedimento da parte di TUTTI  I SINDACI, poiché ad esempio, da un’indagine del CERIS-CNR, si stima che ogni anno vengono abbattuti 20 MILIONI DI ALBERI trasformati in 240 MILIARDI di fogli di carta (clicca qui) consumati poi negli uffici italiani, si può immaginare quanti ne vengono abbattuti per produrre i miliardi di fogli/depliant pubblicitari, distribuiti sui territori comunali;

Da una stima fatta dall’Istituto di ricerca, prendendo come dato il consumo medio di ogni impiegato – corrispondente a 80 Kg, ad esempio, si producono ogni anno 1,2 tonnellate di carta da smaltire equivalenti a 4 milioni di tonnellate di CO2 che, una volta immesse nell’atmosfera, provocano danni maggiori del comparto costruzioni.

IN VIDEO:  La bambina che zittì il Mondo per 6 minuti (Nazioni Unite 1992)

Annunci